Wilfredo Leòn, un 2020 tra Perugia e Polonia

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Gennaio 4, 2020 12:00
Leòn Wilfredo

Wilfredo Leòn (foto Michele Benda)

Nel finale dell’anno passato è stato a Varsavia con Sir Sicoma Monini Perugia per una partita di champions league maschile e per la prima volta nella sua vita hai giocato nella capitale polacca. Già idolo degli sportivi di questo paese è stato assaltato dai cronisti lo schiacciatore Wilfredo Leòn che ha detto: «Un paio di anni fa mi allenai qualche volta con questa squadra, vidi anche una partita di campionato dagli spalti. I padroni di casa hanno perso e, scherzando, il loro allenatore non ha mancato di ricordarmi che era la loro prima sconfitta della stagione. Ho detto che mi spiaceva, ma non era colpa mia se avevano avuto una giornata negativa». L’interesse dei giornalisti si è diretto sull’allenatore Heynen per sapere se il suo comportamento era impulsivo durante la stagione col club come in nazionale. «È un po’ diverso perché è una situazione cambia completamente. Nei collegiali prepari la squadra principalmente per uno o due tornei. Nel club hai tutta la stagione e devi occuparti di molte cose, ad esempio i problemi di salute dei giocatori e di come reagire alle varie difficoltà al momento». Il belga è considerato un allenatore eccentrico, alcuni giocatori hanno detto che avevano bisogno di tempo per abituarsi al suo stile. «Non tutti sono contenti favorevoli quando qualcuno parla ad alta voce e talvolta è molto determinato. Rispetto il tecnico, conosce bene il mio punto di vista e tutto tra di noi va bene. Abbiamo avuto qualche tensione ma siamo adulti e sappiamo come risolvere tali problemi». L’ultimo anno è stato importante per lui, sia in termini sportivi che umani, i ricordi sono dunque molti. «Ho aspettato molto tempo per giocare nella squadra nazionale polacca e alla fine è accaduto. Ho anche vissuto la mia prima stagione a Perugia. Forse non è stata la migliore perché non abbiamo difeso il titolo di campione italiano, ma anche il secondo posto è un buon risultato. Abbiamo vinto la coppa Italia e in autunno la supercoppa. È anche nato mio figlio, la cosa più importante perché la stavo aspettando con grande impazienza. Non avevo parlato molto della gravidanza di mia moglie con nessuno prima, volevamo tenerlo segreto. Con la nazionale ho disputato tre eventi e sono salito sul podio in ognuno di essi. Attendo con impazienza la prossima stagione, sarà ancora migliore». Tanti i ricordi della scorsa estate, dal debutto, alla qualificazione alle Olimpiadi, alla medaglia di bronzo ai campionati europei e al secondo posto alla Coppa del Mondo. «Ho giocato per la prima volta l’evento continentale ed è stato pazzesco. Ci sono ricordi positivi e negativi di questo torneo. Abbiamo vinto la medaglia di bronzo ma dopo aver perso la semifinale avevo sentito dire che saremmo finiti fuori dal podio. Invece abbiamo lottato per il terzo posto ed abbiamo battuto i francesi in casa loro. La formula del torneo è vera follia, ci siamo trasferiti frequentemente da un posto a un altro. Ci sono stati problemi con il viaggio a Lubiana e se non fosse stato per l’aereo del governo, forse non avremmo nemmeno giocato quella partita perché i ritardi avrebbero potuto essere molto lunghi. Le autorità federali di pallavolo dovrebbero tenerne conto la prossima volta. La Slovenia invece ha giocato tutto il tempo in una città fino alle semifinali. Non ci possono essere differenze del genere, le alternative sono due, o si gioca in una città senza muoversi, oppure devono fare spostamenti tutti». In autunno è diventato padre per la seconda volta, ci sarà grande differenza tra crescere due figli rispetto a uno. «Le persone mi avevano avvertito che quelli più grandi potevano essere gelosi e dicevano che le cose sarebbero potute cambiare. Fortunatamente, non ci sono stati problemi con noi. Sono molto orgoglioso di mia figlia, mostra molto amore per suo fratello». La prossima estate sarà protagonista alla sua prima Olimpiade, pensare a Tokyo è inevitabile. «Ho iniziato a pensare a questo evento non appena abbiamo ottenuto la qualifica, è il mio sogno. Faccio del mio meglio in allenamento e nelle partite e mi prendo cura di me stesso perché voglio essere pronto e in ottima forma a Tokyo. Questo è un evento unico, completamente diverso da tutte le altre competizioni». La nazionale di Polonia, come prima il club di Perugia, sarò la favorita per la vittoria. «Odio quando le persone indicano i preferiti. Questo rende le aspettative enormi, e se qualcosa non riesce allora inizia la ricerca di chi è la colpa. Quindi non sono d’accordo con questa definizione di noi. Siamo in cima alla classifica e tutti sanno che abbiamo una squadra forte, ma non voglio dire che siamo i favoriti. Noi come tutti gli altri lotteremo per cercare il successo». Tutti i giocatori di pallavolo contano i giorni rimanenti alle finali olimpiche di Tokyo. «Al momento ne mancano circa duecento, ma al momento non ci penso. Terminata la stagione col club inizierà a contare i giorni. Sarà maggio, quindi al 24 luglio rimarrà poco tempo. Non vedo l’ora». Nel frattempo Vital Heynen ha ricevuto un regalo speciale da sua figlia. Per molti anni, la medaglia olimpica è stata un grande sogno della Polonia. Il primo e unico successo ai Giochi fu nel 1976, quando i biancorossi vinsero la medaglia d’oro. Da allora, alla manifestazione a cinque cerchi, qualcosa è sempre andato storto. Quest’anno i campioni del mondo sono una delle squadre candidate alla vittoria a Tokyo. L’allenatore belga probabilmente ha già cominciato a pensare a come preparare questo importante evento e potrebbe essergli d’aiuto il regalo che sua figlia gli ha fatto per Natale… una guida turistica di Tokyo che prontamente ha pubblicato sul suo profilo twitter.

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Gennaio 4, 2020 12:00