Antonio Bartoccini: «Si tratta sugli stipendi»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Aprile 13, 2020 09:00
Bartoccini Antonio (mezzobusto)

Antonio Bartoccini (foto Maurizio Lollini)

Si prolunga il periodo di confinamento a casa, ma ormai non importa più alle squadre della massima categoria che hanno dato il rompete le righe. Alla Bartoccini Fortinfissi Perugia di serie A1 femminile le atlete cominciano a pensare di fare ritorno a casa, strada già percorsa da Bidias e Montibeller partite per il Brasile, Raskie per gli Usa, Lazic tornata in Svezia, e infine Strunjak pochi giorni fa rientrata in Croazia. Il presidente Antonio Bartoccini commenta la definitiva interruzione del campionato: «È la decisione più corretta, l’assemblea dei club femminili aveva deliberato qualcosa di diverso, tutelando le promozioni ed evitando le retrocessioni, così si sono scontentate solo le squadre di vertice. Le nostre atlete erano già libere di decidere se tornare a casa sin dai primi giorni di marzo, le straniere lo hanno fatto quasi tutte, l’unica rimasta è Crncevic che non è potuta rientrare in Serbia per i vigenti regolamenti più rigidi. Ora bisogna capire se riusciremo a trattare sugli stipendi, l’intenzione delle società è di stralciare una parte (si parla del 30%), d’altronde abbiamo giocato meno, abbiamo avuto meno incassi da biglietti e probabilmente dagli sponsor. Attualmente abbiamo onorato il 60% dei contratti, siamo in linea con quello che dovevamo pagare. Vedremo se riusciremo a trovare l’accordo ma non ci sono molte alternative, le società sportive devono risparmiare oppure chiudono. Questo è il primo passo da fare, vogliamo chiudere questa stagione e solo successivamente faremo mercato. Sono convinto che la prossima annata agonistica sarà molto dura, noi comunque ci saremo, il nostro consiglio di amministrazione è rimasto in contatto in questo periodo, la squadra si farà col budget a disposizione, molti nostri sponsor sono con noi da tanti anni e penso che lo saranno anche in futuro. Il mondo ripartirà e la vita andrà avanti, ci saranno le difficoltà ma si affronteranno, sperando sempre di riuscire a mantenere gli impegni presi. Certamente dobbiamo capire in quale maniera si riparte ma non possiamo mollare tutto. Stiamo già pensando al nostro futuro, aspettiamo che la vita riparta per contattare i nostri partner e parlare di strategie. C’è sempre da migliorare, a parte il parco atlete, dopo la prima stagione in A1 credo che non ci sarà molto da cambiare, complessivamente ci riteniamo soddisfatti. Storicamente tutte le neopromosse hanno sofferto, noi non abbiamo fatto eccezione, però siamo cresciuti molto sui social ed abbiamo fatto degli eventi graditi agli sponsor. Le uniche variazioni che dovremo fare sono a livello tecnico, abbiamo sofferto la mancanza di una schiacciatrice pesante, ora sappiamo meglio come spendere i nostri soldi».

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Aprile 13, 2020 09:00