Gino Sirci: «Perugia ha l’allenatore ideale»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Maggio 25, 2020 10:21
Sirci-Heynen

Gino Sirci e Vital Heynen felici (foto Michele Benda)

Qualche giorno fa la testata giornalistica sportiva polacca tvpsport.pl ha voluto fare un approfondimento sulla Sir Safety Conad Perugia tramite una lunga intervista con il presidente Gino Sirci che partiva dalla convivenza con il coach Heynen: «Vital è simile a me. Ci capiamo e ci fidiamo l’uno dell’altro. Il rispetto reciproco è la base della nostra relazione. Abbiamo un obiettivo comune, la crescita sportiva di Perugia. Faremo di tutto per rendere felici entrambi sotto questo aspetto». Il numero uno del club bianconero dice cosa lo ha convinto ad assumere il tecnico belga. «Mi ha convinto la sua popolarità. È estremamente conosciuto in Polonia, Belgio e Germania. Le sue squadre hanno avuto grandi prestazioni. Ho notato che tutti i giocatori hanno parlato bene di lui. Cosa c’è di così interessante? È estremamente raro che raccogliendo le opinioni su di lui non ci sia una sola voce negativa. È strano, perché di solito è metà e metà. Ha avuto il supporto straordinario di tutti i giocatori. Ero sicuro di aver bisogno di uno come lui». Non si è nemmeno spaventato degli allenamenti con sedie e della competizione per le barrette di cioccolato belga durante gli allenamenti. «Gli piace essere originale. Pensa al club, ai suoi dipendenti, ai giocatori e al personale come una famiglia. Vuole essere il padre di questa famiglia. Sa che se trascorri molto tempo in un determinato gruppo, hai anche bisogno di bei momenti. Vuole far divertire le persone in ciò che fanno. La vita è così piena di difficoltà che non c’è bisogno di aggiungerne altre. Lui sorride sempre. È consapevole che crea fiducia negli altri e li fa sentire più a loro agio. Ha una mentalità quasi italiana. Quando è venuto a firmare il contratto l’anno scorso, mi ha detto che aveva una casa vicino a Pescara, vicino alle rive del mare Adriatico. Questo non mi ha sorpreso, perché quest’uomo dell’Europa centrale è una persona del sud ed è più adatto all’Italia. Questa informazione mi ha confermato che può allenare un club italiano perché sente l’atmosfera del nostro territorio». Heynen è noto per le lunghe passeggiate. «Vive in una casa a poco più di sei chilometri dal palasport. Quando gli ho chiesto in quale quartiere volesse vivere, mi ha detto che non gli importava se fosse lontano. Abbiamo affittato un posto in periferia e lui ha comprato una bicicletta con cui di solito si sposta. A volte, tuttavia, cammina in piedi. È stata una sorpresa per me. È un eccentrico con il quale non ci si può annoiare. Non mi sono mai unito a lui per camminare perché a me piace farlo nel parco, ma sarebbe anche difficile conciliare le sue passeggiate durante la settimana lavorativa con il mio lavoro. A volte, tuttavia, ceniamo insieme. Vital ama la cucina italiana e il buon vino. Quando andiamo in un ristorante e il cameriere gli chiede cosa desidera ordinare, lui risponde che ha un consulente personale che sceglierà per lui, quindi di solito ordino io e mangiamo lo stesso piatto». All’inizio della stagione del campionato italiano il club ha perso diversi punti, qualche dubbio nella tua testa è affiorato. «Gli unici dubbi che avevamo erano se l’allenatore non fosse troppo nervoso. Abbiamo parlato del suo approccio molto emotivo ad ogni partita. Tutti l’hanno visto, i giocatori, i sostenitori, le persone che guardano gli incontri davanti alla televisione e i fotoreporter. Ci ha detto che questo era l’inizio e non dovevamo preoccuparci dei risultati, perché il team aveva bisogno di tempo per avere un certo rendimento. Abbiamo giocato meglio dopo questa conversazione e un momento dopo abbiamo vinto la supercoppa. Bisogna dire che in allenamento è molto calmo. C’è qualità negli esercizi e i giocatori si fidano di lui. Quindi non abbiamo mai dubitato delle sue capacità. Abbiamo parlato di partite peggiori, ma in buona fede. Abbiamo ricordato che è arrivato in Italia otto giorni prima dell’inizio della stagione. Non è stata una situazione facile per lui o per l’intera squadra. Heynen deve essere accettato per come è, non credo che nulla lo possa cambiare. Ti può piacere o no, sapevamo che spesso avrebbe discusso con gli arbitri. È un istintivo, non puoi biasimarlo». L’avvicinamento alla pallavolo di Sirci è avvenuto una ventina di anni fa. «Mio figlio ha iniziato a giocare e sono diventato lo sponsor della sua squadra a Bastia Umbra. Successivamente sono diventato presidente, abbiamo iniziato in serie C, siamo avanzati in B2, quindi B1 e poi A2 e A1, ora siamo in superlega. Siamo riusciti a fare tutto questo solo grazie alle abilità sportive, non per merito dei soldi. Ci siamo meritati i risultati col lavoro delle nostre stesse mani, non abbiamo avuto bisogno di risorse o strutture aggiuntive. Penso che la pallavolo sia un bel gioco e mi piace spendere soldi per ciò che amo. È uno sport molto sano. Le partite sono pulite, i giocatori agiscono in nome del bene della squadra, l’impostazione della disciplina è unica. Grazie alla pallavolo, ho incontrato molti dei miei amici con cui trascorro le vacanze. Questo non è un lavoro per me ma uno stile di vita». L’emergenza sanitaria ha influenzato ovviamente tutte le attività lavorative, inclusa quella dell’azienda sponsor che ha sede a Santa Maria degli Angeli. «La pandemia globale ha fermato oltre il 50% delle vendite di abbigliamento per qualche tempo. Gran parte delle attività dei nostri clienti erano chiuse e dato che non guadagnavano, nemmeno compravano. Lentamente, tuttavia, siamo tornati in pista. Vendiamo mascherine, indumenti protettivi, guanti e occhiali protettivi, che la gente può aver visto in ospedale. La nostra attività si è recentemente concentrata sul mercato italiano. Sono contento di poter affermare adesso che la pandemia non ha cambiato troppo le condizioni della mia azienda». Il budget del club per la prossima stagione avrà qualche ripercussione. «Per ora, stiamo pensando a come ridurre i costi. Nella stagione appena conclusa abbiamo perso molti soldi a causa del Covid-19. Ci hanno rimesso anche gli spettatori che hanno acquistato abbonamenti e le emittenti che hanno acquisito i diritti televisivi. Per quanto riguarda questa stagione, stiamo attualmente parlando con i giocatori e il campionato per ridurre i contratti di pallavolo del 25-30 percento. Abbiamo anche convenuto che a coloro che guadagnano di meno non verrà tagliato il salario. Vedremo come sarà il prossimo campionato, speriamo che la crisi non influisca negativamente e manterremo gli accordi stabiliti, se però non si riesce a farlo, parleremo coi giocatori».

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Maggio 25, 2020 10:21