Marco Ferraro: «Perugia viola la Carta Europea dello Sport»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Dicembre 7, 2020 10:00
Ferraro Marco

Marco Ferraro (foto Andrea Aglieco)

Continua a tenere banco la polemica tra la Polisportiva Monteluce ed il Comune di Perugia riguardante la decisione di adibire la palestra di Sant’Erminio all’ospitalità per le persone senza fissa dimora. Dopo aver scritto alla massima istituzione cittadina la società sportiva ha voluto condividere e diffondere le parole dell’allenatore della prima squadra e del settore giovanile Marco Ferraro: «Anche in questa circostanza ci troviamo di fronte a una delle piaghe di questo tempo, l’assenza di comunicazione. Le decisioni, soprattutto così importanti, andrebbero comunicate attraverso motivazioni valide accompagnate da una soluzione per la parte lesa. Le motivazioni non reggono, perché sono presenti sul territorio molte strutture che potrebbero essere utilizzate in modo definitivo per i senza tetto, che hanno bisogno di avere un punto logistico di riferimento con un percorso giusto e strutturato che li accompagni a riprendere la propria vita. In questo caso, come la maggior parte delle volte, si è pensato solo alla soluzione più comoda. Assodato che le motivazioni non reggono, si aggiunge un altro aspetto, la violazione degli articoli contenuti nella Carta Europea dello Sport. Ne cito una parte, per rendere bene l’idea, affinché la comunicazione sia efficace: “Dare ad ogni individuo la possibilità di praticare sport, ed in particolare: a. Garantire a tutti i giovani la possibilità di beneficiare di programmi di educazione fisica per sviluppare le loro attitudini sportive di base; b. Garantire a ciascuno la possibilità di pratica sport e di partecipare ad attività fisiche ricreative in ambiente sicuro e sano; e, in cooperazione con gli organismi sportivi competenti, c. Garantire a chiunque, quando ne manifesti il desiderio e possieda le capacità necessarie, la possibilità di migliorare il suo livello di prestazione e di realizzare il suo potenziale di sviluppo personale e/o raggiungere livelli di eccellenza pubblicamente riconosciuti”. Inoltre, si aggiunge una aggravante, il tempo perso. In questi mesi cosa si è fatto per i senza tetto affinché potessero affrontare la pandemia? Perché bisogna ridursi alle condizioni meteo per poter dare una mano a queste persone? Mi farebbe piacere avere dei chiarimenti in merito. In questi mesi il comune si è informato sulle attività svolte nella palestra di Sant’Erminio? Ha mai preso in considerazione il fatto che in quella stessa palestra una società, degli allenatori, tantissimi ragazzi con le loro famiglie hanno faticato per poter dare un senso di comunità nel rispetto delle regole più ferree in questo momento così difficile? Mi farebbe molto piacere avere dei chiarimenti in merito. Sarebbe importante per tutti dare delle motivazioni pubbliche non solo allo Strike Team Monteluce, ma a tutto il quartiere, per far capire quale sia la motivazione. A voi la scelta del come comunicarla. La nostra società sportiva è ancora in attesa di una risposta ufficiale da parte delle autorità comunali. Noi non molliamo».

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Dicembre 7, 2020 10:00